Top
treviglio castrum vetus

Treviglio Castrum Vetus

Parte dell’isolato compreso fra piazza Manara, piazza Garibaldi e via Galliari è denominato, già dal sec. XVI Castrum Vetus, cioè “Castello Vecchio

Il termine castrum non designa però un castello, ma un recinto fortificato, ovvero un luogo racchiuso entro mura e per lo più circondato da un fossato.

La tradizione vuole che Treviglio sorse dall’unione di tre Villae Romane, che, avvertendo l’esigenza di proteggersi, si riunirono intorno all’attuale piazza Garibaldi e vi costruirono, tra i sec. VI e VII un solido recinto dotato di tre torri.

L’uso difensivo della struttura venne a decadere intorno all’anno Mille, quando i Trevigliesi, non potendo più essere contenuti entro “il vecchi castello”, edificarono nuove e più ampie fortificazioni.

L’accesso al castrum vetus era garantito dall’attuale vicolo Teatro (situato in piazza Manara). Sicuramente trasformato e rimaneggiato lungo i secoli, il castrum vetus fu inglobato in nuove costruzioni e adibito a dimore private o di pubblica utilità.

Attualmente resti del “castello vecchio” sono riconoscibili nei vani stretti e con archi a sesto acuto visibili dal vicolo Teatro e nel vano quadrato collegato ad uno stretto corridoio nell’Istituto di Credito posto in via Galliari.

Tratto da “Treviglio: storia, arte e cultura” di Barbara Oggionni – ed. Clessidra 2002[/vc_column_text]

Treviglio Castrum Vetus

Credit image: www.ironworkmodels.com/

[/vc_column][/vc_row]

Questo sito contiene cookie tecnici per poter effettuare prenotazioni e altri amenicoli, contiene cookie di terze parti per analisi statistiche anonime. Leggi di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close